Stampa

Petite Arvine

Petite Arvine

Il vitigno Petite Arvine è originario del Vallese, in Svizzera, da cui si è diffuso anche in Valle d'Aosta. Secondo una recente ricerca dell'Istituto Svizzero Changin, deriverebbe invece dal ceppo Prié (vedi Prié blanc), autoctono a sua volta proprio della Valle d'Aosta, coltivato in parte anche in Francia. Il vitigno Petite Arvine è così chiamato per via della dimensione dei suoi acini. Ha una particolare predisposizione alla coltivazione in quota, e per questo viene anche soprannominato "vite dei ghiacciai". Sicuramente adatto all'ambiente valdostano, dunque, è un vitigno che si contraddistingue per l'elevata intensità e piacevolezza dei suoi vini, oltre che per una spiccata predisposizione all'invecchiamento.

L’elevata altitudine a cui sono coltivate le vigne, genera delle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, che contribuiscono a sviluppare e rendere più intenso il profilo aromatico dell’uva. La petite arvine è un vitigno piuttosto duttile, che può dar vita a vini fermi, affinati in acciaio o in legno e a interessanti vendemmie tardive. È un bianco dal buon potenziale di invecchiamento, con interessanti evoluzioni dei profumi e degli aromi.

La petite arvine è un vitigno a maturazione tardiva, solitamente si vendemmia verso fine ottobre. Il vino ha un colore giallo paglierino con riflessi verdolini. Il profilo olfattivo è delicato, molto elegante, con note floreali di glicine e fiori bianchi, a cui fanno seguito aromi fruttati di pompelmo, agrumi e frutto della passione. Al palato è seducente e armonioso, prevale la frutta matura, soprattutto esotica, a cui si lega una piacevole nota minerale e una bella sapidità finale. Il tutto sostenuto da una vivace acidità.

A tavola si abbina molto bene con crostacei, molluschi, coquillage e più in generale con la cucina di mare dai sapori delicati. Le versioni con affinamenti più lunghi, magari in legno, si prestano anche ad abbinamenti interessanti con carni bianche, mentre le vendemmie tardive si sposano molto bene con i formaggi erborinati e con il foie gras.